La sicurezza che solo la copertina può dare…

1 Comment

Sogni d’oro…..

Mazza… sonno

Leave a comment

Questa sera, dopo settimane di notti in bianco a gironzolare per la casa ho finalmente sonno… quel bel sonno da sbadiglio, che ti fa sentire le palpebre pesanti e gli occhietti un po lucidi. Ha che soddisfazione… e senza marjuana per giunta quindi del tutto aggratis! Mo sta a vedere che a star qui a scrivere il sonno mi passa… no è!??? 🙂

Buona notte a tutti ma soprattutto ammè! ecco!

Vita da frigo

1 Comment

Quest’oggi avevo un po di languorino ed ho aperto il frigo…

Mi è venuto un po da pensare quando ho visto il vuoto, non tanto per la fame ma piuttosto perchè non ho potuto fare a meno di trovare un parallelismo tra il mio frigo e la mia vita attuale.

Da un po di tempo ho smesso di portare cibo, mi sono limitato a svuotare quello che già c’era, buttando quando capita tutto ciò che non è di mio gradimento e che ormai non era più commestibile. Nonostante sia una mia grande passione, non cucino più da un po di tempo… da quando sono solo.

Beh… è il momento di tirare un bel respiro e ricominciare, sono uscito a fare la spesa.

Ora il mio frigo è pieno per metà, la mia metà.

Bon appetit

 

 

 

 

 

Via con il lissio!

1 Comment

Bene!
cominciamo di buon lena a scrivere qualche cosa di interessante… ma cosa?
Mi son detto che per iniziare avrei dovuto trovare qualcosa di estremamente interessante, qualcosa che avrebbe “battezzato” come si deve un blog di tutto rispetto.
Dopo un quarto d’ora di grattacapi, gironzoli per la stanza e convinti “ecco trovato”, mi rimetto alla clemenza di una sigaretta.
Ma parliamo di qualcosa di leggero e divertente, parliamo della fine del mondo!
Si insomma, ce le stanno fracellando con tutti sti allarmismi e nibirù passegeri…! Che ad uno, ad un certo punto gli viene davvero voglia che qualcosa si spalmi rovinosamente sul pianeta e… pietra sopra! 🙂
Parliamone poi?? NIBIRU??? ma cosè un pianeta assassino o una nuova razza di pappagallo amazzonico? Ma io mi domando e dico, con tutti i nomi psicologicamente distruttivi che potevano dare a sta pallina infuocata nel cielo… certo si poteva far di meglio! Che ne so… ” lo sfracellatore di pianeti” ad esempio??
Certo tutti noi… o quasi, al vociare di tutto sto popò di teorie apocalittiche abbiamo fatto almeno una volta pensieri “scalfarianeggianti” con un secco IO NON CI STO, ma supponiamo per un secondo ( stringendovi i nibiru se credete.. ) che sia tutto vero!?
Supponiamo che in un giorno come tanti altri alla tivvù comparisse la d’Urso dichiarando quanto segue:
” Cari telespettatori, abbiamo qui in studio il dott. Protsfig dell’università del Marylan… che ha una dichiarazione sconvolgente da fare! Il pianeta conosciuto come Nibiru, si sta dirigendo con rapidità verso il nostro pianeta e ne provocherà la distruzione totale causando l’estinzione del genere umano! ( smorfietta di disappunto… sospiro ) Fatta ovviamente eccezione per i ragazzi del GF, fidanzate a noleggio degli stessi, amici in fase terminale degli stessi, genitori scomparsi in un tombino durante la loro prima comunione degli stessi e via andare.”
Supponiamo insomma che noi tutti ci trovassimo a fare i conti con la FINE, o meglio l’anticamera della fine!?
Avete mai provato a pensare a come affrontereste quella che sarebbe contemporaneamente, la notizia più sconvolgente della vostra vita e… l’ultima notizia della vostra vita?
Si cioè, che fareste? Vi raccogliereste in pensieri interiori, preghereste, suonereste alla vicina infilandole la lingua in bocca, andreste sul posto di lavoro a fare pipì sulla scrivania del vostro capo, andreste dalla vostra donna e le chiedereste di fare l’amore con voi fino alla fine… a round di 5 minuti, prendereste i vostri figli sulle gambe raccontando loro quanto sarebbe stata bella la vita, o semplicemente vi fareste prendere dal panico senza fare nulla!?
Io ci ho pensato molto e sono convinto che in quel momento me ne starei in silenzio, per almeno un paio d’ore… semplicemente pensando. Poi mi alzerei, prenderei la moto e la preparerei per un viaggio.
Partirei, semplicemente partirei.
Senza meta e senza il pensiero che forse si tratta di un’azione sconsiderata, partirei per la mia strada.. probabilmente verso i monti. Successivamente, (sempre che NIBIRU me lo conceda…) mi fermerò sulla cima più alta che che troverò, quella con la visuale migliore e dove abbondano gli alberi, passa un ruscello e le marmotte fischiettano. A questo punto, molto probabilmente mi metterei a pensare a tutta la mia vita, a quanto le paure non facciano più così tanta paura, a quanto i rancori non abbiano più ragione di esistere, a quanto sia stato stupido rinunciare alle occasioni per il timore di sbagliare, a quanto avrei voluto dire ti voglio bene e l’orgoglio mi ha frenato. In quella situazione, in cui l’unica tua proprietà risulta essere la mente la sensazione che proverò sarà quella di PACE… io come qualsiasi altra persona in quel momento avrò soltanto me stesso, sarò uguale a tutti gli altri, avrò le stesse cose… e perderò le stesse cose. Io come qualsiasi altra persona al mondo avrò le stesse possibilità, nessuno potrà gridare più forte, nessuno potrà respirare di più.
Poi la luce, un’enorme boato seguito da un silenzio surreale…
Ogni contatto è impossibile quindi quello che fino a quel momento è stato detto.. è tutto.
Chissà, forse quel giorno mi rotolerò per terra piangendo come un pupo e rimpiangendo di non avere una vicina di casa alla quale infilare la lingua in bocca… o forse molto più probabilmente… starò grattando un “turista per sempre” vincente, OVVIAMENTE. Doooh!
E le scimmie, diranno….. Bravi bravi…. bravi che vi siete evoluti!
Notte.